Cinema weekend - QUASI NEMICI - sabato 17 novembre ore 21.00 e domenica 18 novembre ore 18.15 e ore 21.00

Cinema weekend - QUASI NEMICI - sabato 17 novembre ore 21.00 e domenica 18 novembre ore 18.15 e ore 21.00

Dal 17.11.2018 21:00 fino al 17.11.2018 23:00

Luogo: Via Luigi Nanni, 12 , 47121 , Forlì , FC , Italia

 

Valutazione:Brillante, Consigliabile, Adatto per dibattiti
Tematica:Educazione, Rapporto tra culture, Scuola
Genere:Commedia
Regia:Yvan Attal
Durata:105'
Anno di uscita:2018
Nazionalità:Francia

Interpreti e ruoli

Daniel Auteuil (Professor Pierre Mazard), Carmela Jordana (Neila), Yasin Houicha (Mounir), Nuzha Khouadra (la mamma), Nicolas Vaude (il presidente)

 

Soggetto

Di origine africana, Neila Salah vive a Creteil e, decisa a diventare avvocato, si iscrive all’autorevole università Assas di Parigi. Arrivata il primo giorno con cinque minuti di ritardo, viene subito redarguita dal professor Pierre Mazard, famoso per il sua rigidità e il carattere ostile. Per recuperare sul difficile impatto tra loro, Mazard accetta di preparare Neila per il concorso di retorica che ogni anno mette di fronte i rappresentanti dei vari atenei…

Valutazione Pastorale

Dentro le tante declinazioni che assume nei confronti della contemporaneità, la commedia francese non tralascia di occuparsi anche di quei temi politico-sociali che caratterizzano la realtà nazionale. Ecco qui affrontato in modo diretto il rapporto tra la Francia tradizionale e conservatrice, e quella multietnica degli africani di seconda generazione. Ossia il confronto/scontro tra il professor Mazard, tutto d’un pezzo, legato alle culture classiche, e Neila, figlia del Terzo Millennio, che lo guarda con dubbi e diffidenze. Dopo aver fatto una conoscenza forzata e controvoglia, i due a poco a poco riescono a capirsi sempre meglio, fino ad un rovesciamento delle parti che non vuol dire cedimento all’altro ma comprensione e rispetto per la diversità dell’altro. Puntando molto su una sceneggiatura che trova nell’invenzione lessicale una autentica miniera di ribaltamenti tra battute scorrette e dialoghi sui pregiudizi, il film corre rapido e spedito verso un finale che dice quanto siano necessari buoni rapporti, e dichiarazioni di stima reciproca, per trasmette il buon sapere e garantire un migliore funzionamento delle istituzioni. In certi passaggi di irresistibile benchè amaro umorismo, il film punta molto sulla presenza di Daniel Auteil, un credibile professor Mazard, e ottiene il meglio anche da Camelia Jordana, scatenata Neila Salah, vista di recente in “Due sotto il burqa” .